Dinolytic Acme intramuscolare 1 flacone multidose 10 ml

Vi informiamo che il nostro negozio online utilizza i cookies e non salva nessun dato personale automaticamente, ad eccezione delle informazioni contenute nei cookies.

Accetta i cookie

Dinolytic Acme intramuscolare 1 flacone multidose 10 ml

search

Dinolytic Acme intramuscolare 1 flacone multidose 10 ml

Consigliato 18,46 €
Offerta 16,61 €
Risparmi 1,85€ (10%)

Tutti i prezzi includono l'IVA

Consegna: Martedì 03 Ago

Non disponibile
keyboard_arrow_down


NOME DEL PRODOTTO

Dinolytic Acme intramuscolare 1 flacone multidose 10 ml

INDICATO PER

Suini, Bovini, Equini

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Dinolytic è indicato nei bovini, negli equini e nei suini: 1. per un più efficace controllo del periodo dell'estro e della ovulazione in bovini ed equini con normale ciclo estrale; 2. per trattare bovini ed equini che esibiscono un corpo luteo funzionale ma che non manifestano un comportamento estrale (bovini con subestro o con calore silente, equini difficili da ingravidare); per provocare l'aborto nei bovini e negli equini; per indurre il parto nei bovini e nei suini; per il trattamento della metrite cronica e della piometra nei bovini; per un allevamento programmato nei bovini; per l'impiego, in combinazione con gnrh o analoghi del gnrh, nei protocolli di inseminazione artificiale a tempo fisso nelle bovine da latte; per ridurre l'intervallo svezzamento-estro e l'intervallo svezzamento-concepimento nelle scrofe in allevamenti con problemi della riproduzione; per aumentare il numero di suinetti nati vivi al parto successivo. Per un più efficace controllo del periodo dell'estro e dell'ovulazione in bovini ed equini con normale ciclo estrale: bovini: vacche o manze trattate durante il diestro ritorneranno normalmente all'estro ed ovuleranno entro 2-5 giorni dopo il trattamento. Equini: cavalle trattate con dinolytic durante il diestro ritorneranno normalmente all'estro entro 2-4 giorni nella maggioranza dei casi ed ovuleranno da 8 a 12 giorni dopo il trattamento. Questo può venire impiegato vantaggiosamente come un mezzo efficace nella pianificazione dell'estro e dell'accoppiamento in singoli animali. (nota: la somministrazione di dinolytic a bovini ed equini entro 4 giorni dalla comparsa dell'estro è poco probabile che induca la luteolisi del corpo luteo. La somministrazione entro 48 ore prima dell'insorgenza del prossimo calore può non avere influenza sul tempo di quell'estro a seguito del trattamento). Per trattare bovini ed equini che esibiscono un corpo luteo funzionale ma che non manifestano un comportamento estrale (bovini con subestro o con calore silente - equini difficili da ingravidare): bovini: alcuni bovini possono avere una normale attività ciclica-ovarica senza una palese caratteristica estrale: questo capita più frequentemente nei mesi invernali, durante le punte della lattazione in vacche da latte ad alta produzione e in lattoni. Se un corpo luteo è presente e l'ovulazione non avviene nei primi 4 giorni, la somministrazione di dinolytic provocherà una regressione del corpo luteo seguita da ritorno dell'estro e ovulazione. L'ingravidamento di bovini trattati con dinolytic per le indicazioni sopra dette può essere fatto o con monta naturale o con l'inseminazione artificiale nel solito periodo in conseguenza della comparsa dell'estro oppure in tempi ben precisi (a 78 ore o a 72 ed a 90 ore dopo il trattamento). Equini: durante diestri prolungati non vi è comparsa di cicli estrali regolari distinti da un vero anestro. Molte cavalle descritte come in stato di anestro durante la stagione dell'accoppiamento hanno livelli di progesterone sierico consistenti con la presenza di un corpo luteo funzionale. Una percentuale di giovenche sterili e cavalle in lattazione non esibiscono dei cicli estrali regolari e possono essere in diestro prolungato. A seguito di un aborto, una morte fetale precoce e riassorbimento o a seguito di una pseudogravidanza vi possono essere dei livelli di progesterone consistenti con un corpo luteo funzionale. Il trattamento di tali cavalle con dinolytic di norma fa entrare in regressione il corpo luteo seguito poi dall'estro e dall'ovulazione. Per indurre l'aborto nei bovini e negli equini: dinolytic può venire usato per interrompere la gravidanza nei bovini e negli equini. Bovini: dinolytic è stato usato con successo per indurre l'aborto nei bovini. La percentuale di animali che rispondono ad una singola iniezione intramuscolare diminuisce con l'aumentare del periodo di gravidanza. Approssimativamente le percentuali di animali che abortiscono entro 35 giorni dall'iniezione di dinolytic sono del 9

POSOLOGIA E MODO DI SOMMINISTRAZIONE

Si raccomanda di usare una tecnica asettica nel prelevare la dose necessaria dal flaconcino. Pulire e disinfettare la parte superiore del flaconcino prima di forarlo con l'ago della siringa che dovrà essere sterile. Bovini: dinolytic esibisce un'attività luteolitica nei bovini alla dose di 25 mg (5 ml) somministrata per via intramuscolare. Questa azione viene sfruttata: 1. per un più efficace controllo del periodo dell'estro e dell'ovulazione in bovini con normale ciclo estrale; 2. per trattare bovini che esibiscono un corpo luteo funzionale ma che non manifestano un comportamento estrale (bovini con subestro o con calore silente); 3. per il trattamento della metrite cronica e della piometra nei bovini; 4. per un allevamento programmato nei bovini; 5. nei protocolli di inseminazione artificiale a tempo fisso per sincronizzare l'ovulazione. In generale le dosi necessarie per usi diversi da quelli sopra riferiti in animali in gestazione, e cioè: 1. induzione all'aborto; 2. induzione del parto nei bovini; tendono ad essere superiori a quelle impiegate per provocare la luteolisi in animali non gravidi. Per queste indicazioni sono necessarie dosi varianti tra i 25-35 mg (5-7 ml) sempre pervia intramuscolare. Lo stadio di gravidanza è un fattore estremamente importante poiché influenza il rapporto dose-risposta. Questo può essere esemplificato dal fatto che fino al 150° giorno di gravidanza dinolytic è stato usato con successo per provocare l'aborto nei bovini. Tuttavia nell'arco tra il 150° e il 270° giorno di gravidanza il trattamento può risultare meno efficace anche impiegando dosi maggiori. Equini: dinolytic esibisce attività luteolitica nelle cavalle alla dose di 5 mg (1 ml) somministrato per via intramuscolare. Questa azione luteolitica può venire utilizzata: 1. per un controllo più efficace dell'estro e dell'ovulazione in cavalle con ciclo estrale; 2. per trattare cavalle che hanno un corpo luteo funzionale ma che non esibiscono le caratteristiche dell'estro (difficili da ingravidare), e 3. per provocare l'aborto nelle cavalle (la risposta clinica può variare, perciò può essere necessario ripetere la somministrazione). Suini: somministrare 10 mg (2 ml) per via intramuscolo: 1. per indurre il parto: somministrare entro 3 giorni dalla data prevista per il parto; 2. per ridurre l'intervallo svezzamento-estro e l'intervallo svezzamento-concepimento nelle scrofe in allevamenti con problemi della riproduzione e per aumentare il numero di suinetti nati vivi al parto successivo: somministrare 24-48 ore dopo il parto.

ECCIPIENTI

Q.b. a 1 ml.


https://raofarmaceutici.com/brand/15-acme <div style="margin: 0px 10px 0px;"><img src="https://raofarmaceutici.com/suini.gif" alt="suini" title="suini" width="45" height="45"> <img src="https://raofarmaceutici.com/bovini.gif" alt="bovini" title="bovini" width="45" height="45"> <img src="https://raofarmaceutici.com/equini.gif" alt="equini" title="equini" width="45" height="45"></div> 100178019 100178019

SCHEDA TECNICA

NOME AZIENDA
Acme
GRUPPO TERAPEUTICO
Cura e Medicazioni
PRINCIPIO ATTIVO
Dinoprost trometamolo
FORMA FARMACEUTICA
Flacone
TIPOLOGIA
Farmaco con Ricetta
CODICE AIC
100178019
CODICE ARTICOLO
02010650
CODICE INTERNO
001